Sulla via delle Cicogne


mappa
Promoter: Le vie dei canti
Durata: 3 giorni—2 notti
Livello: facile senza dislivelli e difficoltà tecniche per alzaie e strade campestri
Quota di Partecipazione: € 100 da versare all'associazione (per segreteria, organizzazione, guida)
Periodo: 29 aprile-01 maggio 2016
Partecipanti: min 5 max 16
Info e Prenotazioni: Tel. 0583 356177 /82 ore 9-13 e 14-17.30, 328 7463537; www.viedeicanti.it - info@viedeicanti.it

Un viaggio che attraversa gli angoli meno conosciuti del Parco Lombardo della Valle del Ticino, proclamato dall’UNESCO “Riserva della Biosfera” di interesse mondiale.

Una Valle, quella a due passi dalle città di Milano e Pavia, tutta da scoprire, dove la natura si affianca al lavoro dell’uomo ed al modificarsi di paesaggi e condizioni di vita. Piccoli borghi contadini del pavese, sorti lungo le antiche vie di commercio, si alternano ai campi coltivati a riso, mentre il fiume, con la sua corona di boschi, scende nervosamente in mille meandri azzurri verso Pavia ed oltre… Luoghi da conoscere per capirne l’essenza e la cultura, luoghi in cui la vita, ancor oggi, sembra scorrere su quadranti antichi misurati sullo scorrere lento delle stagioni.

 

V 29 – da Vigevano alla Cascina Venara – circa 25 km

Dalla stazione ferroviaria di Vigevano, il percorso a piedi porta ad attraversare aree coltivate passando per la Sforzesca, la grande fattoria ducale di Ludovico il Moro, primo esempio assoluto di complesso agricolo a corte chiusa, che serba il ricordo di Leonardo da Vinci, che ivi effettuò i primi studi delle scale d’acqua, successivamente impiegate per irrigazioni e bonifiche. Poi il sentiero si snoda negli splendidi boschi del Ticino, fino a Bereguardo ed al suo famoso ponte di barche. Continuando il percorso sempre in sponda destra si giunge al Punto Parco Cascina Venara, nel nuovo ostello dove si cena e si pernotta, gustando i prodotti a marchio del Parco del Ticino.

Sa 30 – da Cascina Venara a Pavia –  circa 15 km

Dopo aver salutato le cicogne, il cammino riprende in un susseguirsi di paesaggi di notevole pregio ambientale, inoltrandosi nelle campagne del pavese. In questo tratto il Sentiero E1 si sovrappone al Sentiero del Giubileo. Differenti percorsi si intersecano e si mescolano, conducendo il viandante lentamente a Pavia, con il bellissimo centro storico punteggiato da chiese e torri di origine medioevale. Pernottamento in ostello a Borgo Ticino e cena in un ristorante tipico nelle vicinanze dell’ostello.

Do 1 – da Pavia a Belgioioso circa 14 km

Attraversato il famoso ponte coperto per entrare in città si affronta l’ultima tappa del cammino, che seguendo la Via Francigena conduce alla meta finale: il castello di Belgioioso, ai margini dell’Oltrepò Pavese, dove ci attende la visita ad Officinalia, mostra mercato dell’alimentazione biologica e dell’ecologia domestica, che trova sede nelle antiche sale del Castello.