Grande Foresta


mappa
Costo: Gratis
Giorni chiusura:

Su un territorio che si estende per 53 ettari sorge la Grande Foresta, una piccola oasi ecologica che ricrea al suo interno un ecosistema e delle caratteristiche naturalistiche volte a favorire lo sviluppo e l’esistenza di flora e fauna tipiche dell’habitat fluviale.

Leggi altro

Nel punto più vicino alla confluenza del Po con il Ticino, a nord – est della località Costa Caroliana, è stata realizzata la Grande Foresta di Travacò Siccomario, ultima delle dieci grandi foreste per la pianura volute dalla Direzione Generale della Regione Lombardia, e prima tra queste per estensione. La Grande Foresta è inserita in un importante progetto ambientale di riforestazione e riqualificazione del territorio nell’area compresa tra il Po ed il Ticino, si estende su un territorio di 53 ettari, con circa 70.000 specie vegetali autoctone, zone umide, radure e tracciati con 10 km di sentieri ciclopedonali. Inoltre, l’area della grande foresta gode di una posizione geografica particolarmente affascinante dal punto di vista paesaggistico, di grande interesse per la peculiarità delle sue caratteristiche geomorfologiche, naturalistiche e per la diversificazione eco sistemica che la caratterizza. Infatti, le radure e le lanche consentono l’esistenza di un’estesa varietà di piccole oasi ecologiche che favoriscono il naturale processo di ripopolamento della flora e della fauna selvatiche, tipiche del pavese e dell’habitat fluviale, l’insediamento e la presenza di specie caratteristiche degli ambienti umidi lombardi, come la cannuccia di palude, i carici, le tife e i salici, ma anche di specie più rare come il campanellino estivo, l’iris siberiano, il giaggiolo o il nannufero. Spostandosi in prossimità dell’argine, sul ciglio del terrazzamento della pianura, a tu per tu col fiume, dalla spiaggia silenziosa è possibile coglierne il rumore che varia a seconda della portata dell’acqua, l’odore ed il colore, differenti al variare delle stagioni.

* Per i contenuti si ringrazia la gentile collaborazione dell’Architetto Luca Micotti

 

Lascia un commento